Sochi. La presidente di Arcilesbica scrive alle atlete e agli atleti

FEB
7

di Paola Brandolini

ArciLesbica è un’associazione da anni impegnata nella promozione della visibilità lesbica, dei pari diritti per le persone lesbiche gay bisessuali transessuali e transgender, nella promozione di una cultura dell’accoglienza, del rispetto delle differenze e della difesa delle libertà personali in ogni ambito del vivere civile.
Il Comitato Olimpico Internazionale ha proibito ad ogni atleta che salirà sul podio di promuovere o fare proprie battaglie di carattere politico.
Vi chiediamo però di avere la sensibilità di dichiarare, in conferenza stampa o in qualunque altra forma riteniate opportuna, il vostro sostegno alle lotte per le libertà e i diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali.
Voi, in quanto sportive e sportivi, vi fate promotori dei valori che lo sport fa propri, quali il rispetto e l’inclusione. Solo con uno sforzo comune di responsabilità e impegno si può riuscire a migliorare la vita di migliaia e migliaia di persone, in Russia, come in Italia.
Grazie per le azioni che riuscirete a fare e in bocca al lupo a tutte e tutti voi!
Cordialmente,
Paola Brandolini
Presidente nazionale ArciLesbica